Introduzione

Hai presente tutti gli articoli/video che parlano dei messaggi subliminali nei cartoni animati? 

Dell’infinità di organi genitali presenti nelle opere Disney? 

Oggi mi travestirò da Adam Kadmon e vedremo cosa sono i messaggi subliminali e se funzionano davvero. 

No, sto scherzando, niente Adam. 

Su MindFaq usiamo il metodo scientifico, quindi niente complottismi. 

In questo articolo capiremo se queste tecniche funzionano e se possiamo utilizzarle per migliorare il nostro advertising.

Prima di iniziare, però, lascia che ti racconti una storia molto interessante. 

I persuasori occulti

1957, in un piccolo cinema sta per consumarsi una delle più grandi rivoluzioni della storia umana. 

Il pubblicitario James Vicary dichiara di aver aumentato le vendite di popcorn e Coca-Cola, semplicemente proiettando in modo subliminale le parole “drink coke” e “eat popcorn” sullo schermo di un cinema locale. 

L’esperimento di Vicary durò per 6 settimane (a detta sua). 

Ma indovina un po’?

Il buon James aveva inventato tutto, con lo scopo di accrescere la visibilità della sua società.

Ma ormai il danno era fatto. 

Tutti avevano paura di subire un lavaggio del cervello.

Le dichiarazioni di Vicary fecero nascere moltissime polemiche, portando  l’opinione pubblica a reagire con indignazione e paura.  

Il culmine di questo clima di paura ed incertezza fu il libro di Packard del 1957, “i persuasori occulti”. 

L’autore sosteneva che i pubblicitari erano in grado di controllare le motivazioni inconsce dei consumatori, inserendo messaggi subliminali nelle pubblicità. 

Sai qual è la cosa che mi fa sorridere di più? 

Nel libro, Packard, cita Vicary (quello del cinema) come fonte autorevole. 

Ora, se segui MindFaq, saprai benissimo che parliamo di scienza, citando sempre dati e fonti. 

Quindi, l’articolo che stai leggendo non è un attacco alla pubblicità subliminale, ma è un tentativo di divulgare quello che la psicologia ha scoperto fino ad ora. 

I messaggi subliminali nella pubblicità funzionano? 

La risposta non è una e non è definitiva. 

L’advertising subliminale non ha alcun potere manipolativo e non può modificare o indurre atteggiamenti nelle persone. 

Esistono degli effetti, non sono potenti e magici, ma esistono. 

Per parlartene, però, devo prima farti capire in che modo alcuni messaggi non vengono direttamente elaborati dalla coscienza. 

Parliamo quindi di percezione subliminale. 

La percezione subliminale

La percezione è il processo che ci permette di riconoscere, organizzare e dare un senso al mondo che ci circonda. 

Un qualsiasi stimolo viene percepito nel momento in cui riesce a superare quella che in psicologia viene chiamata soglia oggettiva

Per riuscire ad andare avanti nel suo percorso ed entrare nella coscienza, lo stimolo dovrà superare una seconda soglia, quella soggettiva

Se lo stimolo riesce a superare la prima soglia, ma non la seconda, si parla di percezione non cosciente. Al contrario, parliamo di percezione cosciente

La percezione subliminale è quel tipo di percezione che, durante la sua corsa verso la consapevolezza, supera la soglia oggettiva, ma inciampa poco prima di arrivare a quella soggettiva. 

La soglia soggettiva, ovviamente, non è uguale per tutti. 

Varia da persona a persona, e può essere diversa anche all’interno dello stesso individuo, ad esempio in contesti e momenti della vita differenti. 

Messaggio subliminale disney
Questo è uno degli esempi di (presunti) messaggi subliminali usati dalla Disney. A cosa potrebbe servire?

Riassumendo: la percezione subliminale si ha quando uno stimolo si blocca a metà del percorso verso la consapevolezza, anche se l’attenzione viene rivolta verso di lui. 

Proprio come nel “caso” del cinema di Vicary. 

Si, lo so, ti stai annoiando. 

Ora inizia la parte più divertente, parliamo delle tecniche. 

Ti dirò solo alla fine se funzionano o meno, nel frattempo prova ad indovinarlo. 

I messaggi subliminali nella pubblicità: tecniche

In advertising sono state utilizzate negli anni tantissime tecniche subliminali (o presunte tali). 

In questo paragrafo mi piacerebbe parlarti delle più famose, basandomi sulla classificazione di Key. 

Inizia la parte pratica, pronto/a? 

Inversione dello sfondo

Quando vediamo qualcosa, siamo portati a distinguere la figura in primo piano dallo sfondo. 

Elaboriamo il primo a livello consapevole, usando la maggior parte delle nostre risorse attentive, delegando alla percezione inconsapevole il background. 

In advertising, questa tecnica viene utilizzata per aggirare le difese consapevoli

In che modo viene applicata? 

Si rende il soggetto banale e tranquillizzante, in modo che non possa far scattare campanelli d’allarme, e si utilizza lo sfondo per far passare il messaggio vero e proprio. 

Doppio significato 

Si tratta della tecnica comunemente nota come “doppio senso”. 

Li hai mai usati? 

Immagino di si. 

Si tratta di presentare un’immagine o un messaggio come se avesse (apparentemente) un messaggio chiaro e socialmente accettabile, che però nasconde un significato disturbante e non accettabile. 

Quasi sempre a sfondo sessuale (zio Freud sei tu?). 

Tachistoscopio

Il tachistoscopio è un proiettore che permette di proiettare su uno schermo immagini ad altissima velocità. 

Serve a “flashare” parole ed immagini che verranno viste, ma saranno processate a livello inconsapevole. 

Ovviamente, nel 2020, basta un pc per poter fare una cosa del genere. 

Mascheramento 

Il mascheramento è una tecnica che consiste nel presentare diversi stimoli, e far si che uno di essi copra gli altri. 

Un po’ come fanno gli illusionisti. Attirano l’attenzione su qualcosa di marginale (rendendolo importante), e nel frattempo fanno accadere la magia dove nessuno sta guardando. 


Quindi ora che conosco queste tecniche, posso utilizzarle nelle mie ads per manipolare i miei clienti? 

Fermo/a! 

Ti ho illustrato delle tecniche, ma non ti ho ancora detto se funzionano o meno. 

Ora ne parliamo. 

Conclusioni: funzionano o no?

Quindi, i messaggi subliminali nella pubblicità funzionano? 

La risposta è: dipende

Se per “funzionano” intendiamo dire che i messaggi subliminali possono provocare cambiamenti nelle persone, allora la risposta è sì. 

Se invece, parliamo di capacità di modificare gli atteggiamenti, indirizzandoli verso quello che vogliamo, allora la risposta è no. 

Cosa intendo? 

Ad oggi, non esistono prove certe del fatto che le tecniche subliminali possano influenzare le scelte dei consumatori. 

Qualcosa accade, ma non è prevedibile

Usare queste tecniche è come convincersi di poter vincere una partita a basket bevendo del vino. 

Il vino influirà sicuramente sulla tua performance (come i messaggi subliminali influenzano le persone), ma non è detto che le tue performance miglioreranno (così come la pubblicità subliminale non riesce a far accadere quello che vuole). 

Ok non ci stai capendo nulla, scusa. 

Ti faccio un esempio concreto

E indovina un po’ chi è il protagonista? Sempre lui, il caro Vicary. 

Nel 1958, accettò di creare una campagna pubblicitaria per una compagnia olandese, facendo apparire lo slogan “Telephone now” per 352 volte durante uno show televisivo. 

Come potrai immaginare, non si registrò nessun aumento delle telefonate. 

Anzi, l’emittente televisiva ricevette numerose lettere in cui si parlava di un inspiegabile bisogno, da parte dei telespettatori, di andare in bagno, di alzarsi a prendere una birra o di cambiare canale. 

Capito cosa voglio dirti? 

I messaggi subliminali funzionano perché fanno accadere qualcosa, ma non sarà mai il qualcosa per cui sono stati creati. 

Semplicemente, la mente umana è troppo complessa

Se vuoi che le tue ads performino, non rifugiarti in tecniche dalla dubbia valenza, non provare ad ipnotizzare il tuo target. 

Concentrati su quello che puoi davvero controllare, il tuo brand (soprattutto se impari a comprendere la psicologia del marketing).

Spero che questo articolo ti sia stato utile, se vuoi rimanere aggiornato seguici sui social, scegli tu se Linkedin o Instagram!